16 Percorsi multimediali sui luoghi della Prima Guerra Mondiale

Precedente Successiva

Il primo conflitto mondiale ha lasciato molte testimonianze sulle aree montane lombarde: soprattutto qui, nei gruppi montuosi dell’Ortles-Cevedale, del Tonale e dell’Adamello dove tra il 1915 e il 1918 corse l’estremo occidentale del fronte di combattimento tra il Regno d’Italia e l’Impero Austro-ungarico.

 

La Prima Guerra, combattuta sul fronte fra lo Stelvio, il Gavia e l’Adamello fino alle quote più elevate, è nota qui come Guerra Bianca. Foto: Archivio Museo della Guerra Bianca in Adamello - fondo Robbiati
La Prima Guerra, combattuta sul fronte fra lo Stelvio, il Gavia e l’Adamello fino alle quote più elevate, è nota qui come Guerra Bianca. Foto: Archivio Museo della Guerra Bianca in Adamello – fondo Robbiati

Se oggi queste montagne sono meta di turisti ed escursionisti in cerca di silenzio e del contatto con la natura, poco più di un secolo fa furono teatro di aspri combattimenti. Si combatté in estate e inverno a quote molto elevate, con posizioni poste a oltre 3000 metri.

Già allora il conflitto prese il nome di “Guerra Bianca”, e proprio grazie al particolare ambiente di alta quota sono ancora numerose le testimonianze della permanenza dei soldati dell’uno e dell’altro esercito su queste cime.

Una delle feritoie da cui si affacciavano le bocche da fuoco austro-ungariche nella zona del Passo dello Stelvio

Trincee, postazioni d’artiglieria, gallerie per il ricovero di uomini e mezzi, baraccamenti in legno e pietra, camminamenti e mulattiere militari, costituiscono uno straordinario museo a cielo aperto: sì è qui di fronte ad uno dei più interessanti esempi di simbiosi tra natura e storia.

Per valorizzare questo inestimabile patrimonio Regione Lombardia (DG Autonomia e Cultura) ha affidato a ERSAF (ente gestore del Parco dello Stelvio), con la collaborazione scientifica del Museo della Guerra Bianca in Adamello di Temù, un importante e innovativo progetto di valorizzazione del patrimonio lombardo della Grande Guerra.

La caserma di Forcola era stata costruita poco sotto la Bocchetta omonima, al riparo dal tiro delle artiglierie imperiali

Il progetto prosegue un’esperienza analoga che già nel 2018 aveva portato alla realizzazione dei primi sei sentieri nel Parco dello Stelvio. La ricchezza e lo straordinario valore del patrimonio storico legato al Primo conflitto mondiale presente nei territori dell’Alta Valtellina e della Valle Camonica e il grande interesse di Regione Lombardia per questo patrimonio unico sulle Alpi e di grande valore promozionale per i territori montani, sono gli elementi che hanno indotto la Regione a proseguire nell’esperienza ampliando la rete dei sentieri tematici.

I Passi di Zebrù, difesi un tempo da chilometri di filo spinato, si affacciano sul maestoso Ghiacciaio dei Forni

I 16 itinerari multimediali sono percorsi esperienziali che permettono di visitare i territori delle due aree protette in modo nuovo, coinvolgente e interattivo: con un qualsiasi smartphone è possibile scaricare una App che permette di ascoltare la descrizione storica e ambientale dei luoghi, il racconto delle vicende di guerra e una serie di testimonianze d’epoca.

La App “Oltre le tracce della storia” è stata realizzata da Webmapp, azienda informatica di Pisa.

È possibile scaricarla inquadrando i QR code posti sui pannelli collocati all’inizio degli itinerari o sul materiale informativo di descrizione del progetto oppure cercandola nell’App Store o nel Google Play Store. Una volta scaricata sullo smartphone, la App funziona anche off line. Grazie al GPS dello smartphone, quando si è in prossimità dei principali punti di interesse situati lungo l’itinerario la App ne dà avviso all’utente con un segnale acustico. È allora possibile attivare i contenuti culturali e scientifici disponibili. I contenuti, di grande interesse, visto il tema “universale”, anche per il pubblico internazionale, sono disponibili oltre che in italiano anche in inglese e tedesco. L’escursionista “storico” può consultare il percorso seguito o la cartina della zona, ha la possibilità di vedere una serie di immagini e, soprattutto, può attivare l’audio della descrizione storica e ambientale dei luoghi. La descrizione dei siti, la narrazione degli eventi e le storie di chi ha vissuto sul posto quei tragici eventi prendono vita, in una sorta di macchina del tempo delle emozioni, grazie alla voce dell’attore e scrittore Giuseppe Cederna.

L’attore e scrittore Giuseppe Cederna ha prestato la sua voce alle audiodescrizioni degli itinerari storici

Il tutto a impatto zero sul territorio non essendo necessario dover posare e mantenere cartelli inevitabilmente impattanti in questi paesaggi incontaminati. E con il vantaggio per l’utente di non essere costretto a fermarsi per leggerli. Potrà così, semplicemente, lasciarsi trascinare dal fascino della narrazione.

 

Questi i depliant nelle tre lingue disponibili che descrivono sinteticamente i 16 itinerari e permettono di scaricare la APP “Oltre le tracce della Storia”:

 

ITALIANO

ENGLISH

DEUTSCH

 

Buon cammino!

 

 

La realizzazione dei percorsi multimediali è stata possibile grazie alla collaborazione di molte persone, il cui aiuto è stato preziosissimo.

Qui trovate l’elenco completo.

A tutti loro, il nostro più sentito ringraziamento.

 

Precedente Successiva Condividi :

Precedente Successiva
Precedente Successiva